Home / Cultura / AttualiTendenza / L’antenna spaziale DREX Made in Veneto

L’antenna spaziale DREX Made in Veneto

Il team di DREX

DREX, questo è il nome dell’antenna creata da 8 studenti veneti di Ingegneria, che presto volerà nello spazio.

DREX

DREX è un prototipo di antenna per le comunicazioni subspaziali, è pieghevole già in questo si differenzia dalle precedenti realizzate. La mission del team realizzato infatti, è quella di far comprendere che invece di mandare nello spazio le tradizionali antenne fixed, dalla caratteristica forma a parabola, basterebbe una versione salvaspazio e che abbatterebbe anche i costi produttivi.

DREX, Deployable Reflector EXperiment, decollerà dalla Svezia a fine Ottobre e ben 6 sono le aziende venete che hanno contribuito al progetto, finanziandolo e credendo nel talento di questi promettenti giovani.

Le aziende di Treviso che hanno contribuito alla nascita di DREX sono: Baggio De SordiCarretta, Gruppo Carollo, Statim, Tecnogomma Tesser Antenne.

Purtroppo si ha ancora bisogno di un piccolo gruzzoletto, per questo è stata attivata una campagna su IndieGogo. Con i proventi raccolti gli 8 talentassi ingegneri potranno far raggiungere ottimali condizioni di sviluppo all’antenna DREX.

Questo è uno di quegli esempi di giovani studenti che hanno estro, creatività e mettono in pratica ciò che studiano in Italia. Questo staff è composto da: Alessandra Bellina di ConeglianoCristian Ambrosini di Padova, Filippo Marconi di Soave, Stefano di Marco di Treviso, Giorgio Tesser di Mogliano, Loris Bogo di Belluno, Vittorio Netti di Venezia, e Denis Soso di Verona.

Per saperne di più su questo innovativo progetto aerospaziale, utile per tutta l’umanità visitate il sito ufficiale e restate informati sul lancio e sulla raccolta fondi. Chiunque volesse partecipare si può mettere in contatto via mail, questa è un’occasione anche per le aziende dell’intero Veneto.

 

About eleonora

Check Also

Collezione Peggy Guggenheim assolutamente da vedere

Peggy Guggenheim è la fondatrice tra le altre della Galleria d’Arte omonima di Londra, motivo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: