Home / Turismo / Oltre il Veneto / Sentiero degli Dei, tra Storia e Natura

Sentiero degli Dei, tra Storia e Natura

Il Sentiero degli Dei è un percorso naturalistico di circa 19 chilometri situato lungo la costiera amalfitana, uno dei percorsi di trekking più belli d’Europa secondo gli amanti della natura e delle escursioni, il percorso inizia dal comune di Agerola e termina in quello di Positano, un percorso naturalistico che dura circa 4/5 ore.

Sentiero degli Dei, tra Storia e Natura

Il Sentiero degli Dei negli corso di questi ultimi anni ha acquisito una certa popolarità sia tra gli escursionisti che tra i turisti che non sono dei veri e propri esperti di trekking, una popolarità grazie alla sua sky-line considerata tra le più suggestive e belle  al mondo, un percorso che si snoda lungo la costiera amalfitana dove la macchia mediterranea regna incontrastata e dove le coltivazioni di vite la fanno da padrone, un sentiero che si sviluppa lungo la dorsale dei monti Lattari che si tuffano nell’azzurro del mare della costiera, da dove è possibile osservare le due famosa isola campane Ischia e Capri.

Il nome del sentiero deriva da fatti storici e leggende che, tramandate nel tempo, hanno poi dato l’attuale nome a questo percorso naturalistico, la leggenda vuole che il medesimo percorso che oggi molti turisti percorrono, sia il medesimo che migliaia di anni fa percorrevano le divinità greche per salvare Ulisse dalle canto delle famose sirene che si trovavano sull’isola de Li Galli.

Anche lo scrittore Italo Calvino conoscere questo sentiero e lo descriveva come “quella strada sospesa sul magico golfo delle “Sirene” solcato ancora oggi dalla memoria e dal mito”, la medesima frase che oggi è possibile leggere su mattonelle di ceramica poste proprio all’inizio del Sentiero degli Dei.

Per chi fosse interessato a percorrere questo stupendo percorso naturalistico è possibile farlo durante tutto l’anno, ma visto l’esposizione alle intemperie è consigliabile di farlo durante il periodo estivo che va da aprile fino a ottobre, il sentiero non è particolarmente pericoloso, è ben battuto e periodicamente viene sempre verificato dai molti volontari di associazioni locali che si prendono cura del sentiero.

E’ consigliabile andare con abbigliamento leggero, scarpe da trekking e zaino al cui interno consigliamo di portare acqua e piccoli spuntini da fare lungo il percorso, vista la l’estrema bellezza del posto consigliamo di portare con voi fotocamere e video camere per scattare foto o realizzare video che risulteranno sicuramente stupendi.

Per tutte le altre informazioni sul sentiero consigliamo di visitare il sito dedicato:

https://ilsentierodeglidei.net

About michele girardi

Check Also

Cortona: una città tutta da scoprire, meglio se con la guida giusta

Cortona non è solo la cittadina del famoso cantante Jovanotti, ma una località tutta da scoprire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: