Siamo partiti da un cortometraggio interessantissimo e ben fatto, che potete vedere qui. Con entusiasmo, attaccamento alle origini, alle vere radici e tanta passione, viene raccontata l’origine del popolo veneto, delle tradizioni e di quella devozione al lavoro e al “darsi da fare” tipico dei veneti appunto. Non solo, viene introdotta la storia del Talian, la lingua madre a metà tra Veneto e Portoghese. Guardate innanzitutto il video per immergervi in questa atmosfera, un cortometraggio da assaporare tutto d’un fiato per i veri conoscitori del dialetto ed interessante anche per chi vuole conoscere di più della propria storia e cimentarsi con una vera e propria “lengua madre”.

Alba Arte è riuscita a divulgare, in modo semplice e coreografico, cinematografico direi, la storia di un intero popolo, quello veneto. Oltre al video visionabile su YouTube e all’interno di questo articolo, esiste una vera e propria pagina dedicata al Talian – La nostra vera lengua madre, nel sito di Alba Arte.

Talian: cos’è?

Il Talian è un dialetto veneto nato all’incirca negli anni ’70 del XIX secolo e parlato ad oggi da circa 500 mila persone come prima lingua, mentre nel complesso da ben 4 milioni di persone in Brasile. Come mai? Cosa c’entra il Brasile con il Veneto? Ebbene il Talian, che è stato riconosciuto nel 2014 come patrimonio immateriale del Brasile e lingua riconosciuta, è stato importato grazie ai tantissimi immigrati italiani che sbarcarono in Brasile in cerca di fortuna.

Tra questi italiani spiccavano gli originari del Nord Italia, soprattutto  del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. Questi arrivarono nello Stato del Rio Grande do Sul e di Santa Caterina. Viene inoltre parlato nei comuni di Santa Teresa e Venda Nova do Imigrante. Dapprima fu solo una lingua di minoranza, ma pian piano riconosciuta. Un notevole vanto per gli abitanti del Veneto, non solo per gli originari della regione.

Il Talian è un idioma di base veneta, contaminato da altre lingue come il Portoghese e da altri dialetti italiani. La grammatica ed il lessico però sono prettamente veneti, sentirlo parlare è un’esperienza molto affascinante, si vene catapultati indietro nel tempo e si viene a contatto con una storia del tutto nuova, che esalta le radici venete.

Il Talian è anche protagonista di numerosi testi, creati proprio con l’intento di divulgare questo idioma Italo-Brasiliano. Addirittura è stata pubblicata una rivista nel 2013, Brasil Talian appunto e due dizionari editi da Luzzato nel 2000 e da Stawinski nel 1995.

Dal 1996 inoltre, in Brasile è stato previsto l’inserimento di una seconda lingua nelle scuole elementari, nella classe quinta per la precisione. Il Talian è quindi entrato in lista con l’Italiano, ma la versatilità e diversificazione del primo idioma, parlato infatti diversamente nelle diverse comunità e la mancanza di una formazione professionale, ha lasciato spazio all’Italiano. Il Talian è comunque insegnato privatamente e non, moltissimi sono infatti i corsi che si tengono puntualmente in Brasile.

dal video Talian, del canale Talian di YouTube

Per saperne di più contattate Alba Arte e visitate la loro pagina sul web, oppure visitante i video del canale YouTube Talian. Fateci sapere se ne avete già sentito parlare e quali sono le parole di taluna che conoscete. Se poi conoscete qualche insegnante di Talian, beh non esitate a farcelo conoscere.